Spirito di fratellanza, coesione giovanile, non ché richiami di più ampio rilievo sociale, hanno cadenzato nel più tipico sodalizio scaut le attività realizzate dalle gemellate associazioni Assoraider Cirò Marina e CNGEI Crotone ritrovatesi presso la ricercata cornice naturalistica di Capo Piccolo a fronte del festeggiamento del San Giorgio avvenuto nelle date 25 e 26 Aprile 2015. Attraverso un’attività che ha visto cooperare le varie branche, ragazzi e adulti hanno rievocato l’ormai radicata tradizione che rimanderebbe alla leggendaria impresa di San Giorgio che con spirito audace e modestia cavalleresca affrontò e sconfisse il drago in ragion di principi di amore e giustizia. Divisi in gruppi i ragazzi si sono cimentati nella realizzazione di spade in cartone che, in conclusione dell’attività svolta, sono state adoperate per sconfiggere i draghi precedentemente riprodotti con materiali di fortuna. Durante il quadrato di Domenica si sono ricordate, con un minuto di silenzio, le numerose vittime che purtroppo giorno dopo giorno cedono alle calamità naturali, come nel caso del terremoto in Nepal, o alla cattiva cooperazione umana che ha recato la morte alle numerose vittime del Canale di Sicilia. Lasciandoci così con la speranza di un futuro ricongiungimento e con spirito di rinnovamento circa la missione umana e sociale che è fulcro dell’attività e della professione scaut.