Assoraider, Associazione Italiana di Scautismo raider

Potremmo iniziare la relazione sul Meeting di Branca R/S dandogli il titolo: “Gli imprevisti non ci fermano”, visto tutto quello che è successo. Tuttavia, ci limiteremo solo a parlare dei suoi contenuti.

Al meeting hanno partecipato circa una trentina di persone, provenienti dalle Sezioni e Delegazioni di Ardea, Barletta, Cagliari 1, Cagliari 3, Cagliari 24, Ittiri, Pomezia, Milano e Taranto 1. Scopo principale dell’incontro è stato quello di riunire i Capi/Vice Capi Compagnia/Quadrato prima di tutto per confrontarsi su temi che riguardano la branca e la loro diversa applicazione, al fine di arrivare a gettare le basi per una corretta e condivisa applicazione del metodo nella conduzione dell’unità. Secondariamente, ma non meno importante, la presentazione del nuovo regolamento con l’approfondimento delle variazioni effettuate e dei motivi che le hanno determinate.

09

I lavori sono iniziati nel pomeriggio di sabato con l’accettazione dei partecipanti, la presentazione del meeting e la suddivisione dei partecipanti in due gruppi per confrontarsi uno sulla Carta di Compagnia e la Strada, l’altro sulla Veglia e il Servizio. I due gruppi hanno portato avanti i loro lavori con ampie e fruttuose discussioni, analizzando in maniera costruttiva le casistiche, le esperienze personali e i dubbi che alcune applicazioni facevano venire.

La serata dedicata alla spiritualità è stata l’occasione per analizzare in maniera interiore il frutto del lavoro svolto nei singoli tavoli di discussione.

La prima parte della domenica è stata dedicata alle conclusioni dei singoli gruppi i quali, in poco tempo, sono riusciti ad organizzare una presentazione riepilogativa (con efficaci slide) degli argomenti trattati e presentarla ai partecipanti, affinché tutti potessero vedere il frutto del lavoro svolto.

La giornata è terminata con la presentazione del regolamento, soffermandosi in particolar modo sulle novità introdotte, chiarendo gli intenti della Ronda e dell’Associazione in questa rivisitazione e rimarcando la validità del percorso formativo inteso come tale. Anche in questo caso la partecipazione, la condivisione e il contributo di tutti coloro che hanno fatto domande o chiesto chiarimenti sono stati notevoli, e nel confronto ci è stata data l’opportunità di spiegare meglio quei punti che alcuni avevano poco chiari.

Consapevole che il tempo è sempre un po’ tiranno, la Ronda si è raccomandata ai partecipanti di continuare questo confronto anche tramite e-mail, per dare un contributo alla risoluzione di problemi o problematiche che scaturiscono anche all’interno delle unità e per poter dare anche un aiuto a chi si affaccia senza tanta esperienza in Branca R/S. L’augurio è anche quello di condividere con più persone questi momenti dove confrontarsi (come insegniamo ai nostri ragazzi) è la base della nostra crescita e di tutta l’associazione.

X